La grande musica dal Rinascimento al Novecento

Introduzione Storica

Vivaldi

Lasso

Bach

Mozart

Beethoven

Chopin

Schumann

Debussy

Chopin

"il poeta del pianoforte"

Chopin nacque nel 1810 nel villaggio di Zelazowa Wola, a circa 40 chilonetri da Varsavia, da un precettore francese e da una governante del conte Skarbek. La formazione musicale di Chopin fu molto semplice: lezioni di pianoforte con un pianista e violinista boemo trasferito a Varsavia, fino all'età di dodici anni; in seguito lezioni di composizione per circa tre anni, dal 1826 al 1829. per il resto Chopin fu un autodidatta, e la mancanza di esempi vincolanti fu forse essenziale per l'evoluzione di uno stile pianistico e compositivo assolutamente personale. Intraprese una tournè europea, da Vienna passò a Parigi, dove, incontrato improvviso successo, si stabilì definitivamente, circondandosi dell'amicizia di Liszt, Rossigni, Berlioz, ed altri artisti. Contrariamente a quello che si suppone, Chopin si esib' rarissime colte in pubblico come pianista, mentre le sue costanti attività furono l'insegnamento e la composizione, che si limita esclusivamente a musiche per pianoforte (tranne che in pochissime casi pianoforte solo).
Dopo un fidanzamento segreto con Maria Wodzinska, cui non seguì il matrimonio per il rifiuto del padre di lui, Chopin ebbe una relazione lunga e tormentata con Aurora Dudevant, meglio nota con lo pseudonimo di scrittrice di Gorge Saud. Divisosi da quest'ultima nel 1847, fu in Inghilterra ed in Scozia nel 1848, per spegnersi a Parigi l'anno successivo, a 39 anni, indebolito da una tisi polmonare o un'asma allergica.
La delicata sensibilità di Chopin fa del compositore polacco il poeta del pianoforte, ed il maggior esempio di artista dell'intimità, anche se non mancano nelle sue musiche momenti di esaltazione e, talvolta, di vero e proprio delirio, secondo termini estetici assolutamente rivoluzionari per l'epoca. Il soggettivismo assoluto e l'uso di forme, armonie e colori nuovi sotto l'apparenza semplice fecero definire alcuni suoi brani addirittura esclusivi. La purezza del sentimento, espresso attraverso melodie di bellezza assoluta ed il tradurre ogni elemento in perfetta poesia, senza la minima traccia di formalismo o di residuo prosastico, suggerisce l'accostamento di Chopin a Leopardi.
Sviluppando una tecnica pianistica che, pur partendo da alcuni esempi precedenti, è sostanzialmente nuovissima e personale, Chopin fu il compositore più imitato da tutti i musicisti che nell'Ottocento si accostarono al pianoforte; e nello sperimentare soprattutto le sonorità lievi più particolari del piano, Chopin fu anticipatore dell'impressionismo di Debussy.