Appunti dal web, dagli scritti di Michele Trenti

Questioni linguistiche

05/09/2006

Appunti di Michele Trenti

La relazione tra l’elemento materiale della propria arte e l’espressione del proprio sentire è una questione focale per ogni artista che abbia coscienza del senso della propria attività; si tratti di suoni, segni, colori, movimenti: i segreti – ed i misteri – della loro organizzazione sono costante occupazione di colui che si appresta a darvi forma. Egli è, consapevolmente o no, alla ricerca del come agli elementi del linguaggio, a partire dai più piccoli, possano essere attribuite caratteristiche che li rendono idonei a convogliare il messaggio artistico (mentre il teorico si chiede il perché). Si riconosce quindi ad elementi morfologici e grammaticali la possibilità di acquisire una sorta di “valenza” espressiva, che si concretizza al momento della loro organizzazione in strutture superiori, legandosi con altri elementi.
L’affinità con il concetto chimico di valenza sembra adatto a descrivere il fenomeno di “molecole” di un linguaggio, elementi di base con i quali si può costruire un’opera; tenendo presente che nel caso dell’arte la “valenza” delle cellule del discorso è legata al rapporto dell’artista con il proprio linguaggio, ed ha quindi un valore soggettivo, che evolve con l’evolvere del proprio sentire e con l’approfondimento della propria tecnica.